"Noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il massimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza." (E. Malatesta)

Comunicato diffuso dalla Commissione di Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana


SOLIDARIETA' A INDYMEDIA

In occasione delle elezioni americane, i media d'oltreoceano rintronano sempre più di frequente gli elettori con i duelli tv fra un presidente guerrafondaio e uno sfidante talmente "pacifista" da essersi vantato di aver ucciso in guerra più gente lui che tutto lo staff avversario.
Nel frattempo, l'FBI ordina un'operazione liberticida a livello internazionale che segna un salto di qualità nella repressione del dissenso e deve far scattare doverosi campanelli d'allarme.
La chiusura, con sequestro di materiali, dei server di Indymedia di mezzo mondo, non è solo il tentativo di mettere a tacere una voce scomoda, indipendente, di un network che da sempre dà spazio alle istanze della sinistra non istituzionale e dei movimenti. E' un vero e proprio attacco alla libertà di stampa, di espressione, di trasmissione delle informazioni e del sapere, alla libertà in generale di comunicare dissenso.
Il quadro si fa sempre più fosco, perché se tutti conosciamo la "dottrina della paura" applicata dal governo americano dopo l'11 settembre, ed il conseguente restringimento degli stessi ambiti "democratici" e dello stesso "stato di diritto", questi eventi arrivano a ricordarci di nuovo che siamo in guerra, ed in guerra ai governi servono la censura e la repressione del dissenso. A ricordarci che non è solo un problema del "Patriot Act", ma una tendenza diffusa in tutti i Paesi cosiddetti "democratici"; fin troppo evidente il coinvolgimento, nonché il plauso, del governo italiano nei confronti dell'infame provvedimento.
La Commissione di Corrispondenza della FAI, nell'esprimere la propria solidarietà ai redattori di Indymedia, protesta contro questo ennesimo attacco alla libertà di opinione, invitando tutti i libertari, e in generale tutti coloro che credono nella costruzione di un mondo più equo, a vigilare, tenendo alta l'attenzione e la mobilitazione. Perché la storia ci ha insegnato che la reazione, se può agire indisturbata, cresce: dal chiuderti temporaneamente la bocca a fare di molto peggio il passo è breve.
Invitiamo altresì tutti i produttori di informazione libera, dal network internazionale fino al militante che fotocopia due volantini, a difendere la libertà di espressione nella maniera migliore possibile: continuando a praticarla quotidianamente.
 
Reggio Emilia, 12/10/04
 
La Commissione di Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana.


Altri Comunicati della Commissione di Corrispondenza



COMUNICATI

Abbonati, leggi e diffondi "UMANITA' NOVA"
settimanale anarchico
link al sito di umanità novalink al sito di zero in condotta
web-fai@federazioneanarchica.org