"Noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il massimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza." (E. Malatesta)

Comunicato diffuso dalla Commissione di Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana


GIUSTIZIA DI STATO

La sentenza del 13 novembre 2008 con la quale i giudici della prima sezione penale del tribunale di Genova hanno mandato assolti i vertici della polizia, che dei pestaggi alla Diaz sono invece responsabili, dimostra in maniera esemplare come, in un contesto di autoritarismo crescente, anche la magistratura si avvii ad amministrare una giustizia di regime. Di fatto, questa sentenza ricalca l'ordine giuridico che fu del fascismo, per il quale i protagonisti del regime e gli uomini in divisa che quel regime sostenevano, godevano sempre e comunque di una sostanziale impunità. Se il presidente Gabrio Barone e i giudici a latere Anna Leila Dellopreite e Fulvia Maggio (è bene tramandarli, questi nomi) avessero avuto un minimo di pudore, anche ammesso e niente affatto concesso che il capo della polizia e i suoi diretti collaboratori non avessero progettato e attuato alcun piano, quel presidente e quei giudici avrebbero dovuto riconoscere almeno il reato di omissione di controllo dei vertici nei riguardi degli agenti autori dei pestaggi. Per la stessa giurisdizione militare (e non solo) ogni comandante, infatti, risponde in solido dei reati commessi dai propri sottoposti. In continuità con la sentenza emessa per i fatti della caserma di Bolzaneto (dove - ricordiamolo - furono compiute vere e proprie torture fisiche e morali a danno di manifestanti del tutto inermi), il tribunale di Genova anche questa volta copre spregiudicatamente i delitti che lo stato e i suoi servi compiono nei confronti dei cittadini, riaffermando in tal modo il principio di una giustizia che, mentre colpisce con durezza estrema chi contrasti il potere, assolve i carnefici che quel potere garantiscono. Ma le immagini, riproposte dalle televisioni di tutto il mondo, di quei due poliziotti che portano all'interno della scuola Diaz due molotov per giustificare l'uso della loro violenza brutale - un modus operandi ricorrente delle cosiddette forze dell'ordine dai tempi di Scelba a quelli di Cossiga e di Scajola - quelle immagini, insieme con le altre delle vittime insanguinate, nessun giudice di regime potrà sottrarle alla memoria di quanti si oppongono, come del resto si sono opposti, a tutte le stragi perpetrate dallo stato in Italia e alle menzogne con le quali si è tentato di occultarle.

Commissione di Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana - FAI

Palermo, 14/11/2008


cdc@federazioneanarchica.org
www.federazioneanarchica.org


Altri Comunicati della Commissione di Corrispondenza



COMUNICATI

Abbonati, leggi e diffondi "UMANITA' NOVA"
settimanale anarchico
link al sito di umanità novalink al sito di zero in condotta
web-fai@federazioneanarchica.org