"Noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il massimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza." (E. Malatesta)

Mozioni e documenti della Federazione Anarchica Italiana


Mozioni approvate dal Convegno nazionale della FAI, Milano 12-13 gennaio 2013


Sosteniamo le lotte dei compagni greci
Il Convegno Nazionale della FAI riunito a Milano esprime la propria solidarietà ai compagni greci che in questi ultimi giorni sono stati violentemente attaccati dalla polizia ellenica. Abbiamo assistito agli sgomberi di Villa Amalias e di Skaramaga, storici squat ateniesi simbolo del movimento e all'arresto di un centinaio di solidali che avevano rioccupato lo stabile di Villa Amalias.
Il movimento anarchico in Grecia ha saputo costruire, in questi anni, una forte risposta dal basso allo spietato attacco condotto contro i lavoratori.
Una risposta fatta di azioni dirette, riappropriazione di spazi fisici, organizzazione di assemblee popolari nei quartieri, autogestione sui posti di lavoro. Una risposta che rifiuta le forme di delega che imprigionano la volontà di cambiare questo sistema che mostra, ogni giorno di più, i propri limiti. Una risposta che ha saputo aggregare intorno a se decine di migliaia di persone, lavoratori, studenti, disoccupati, greci e immigrati, perché la lotta è di tutti gli sfruttati, quale che sia la loro provenienza. Una risposta che fa paura ai padroni e allo stato perché dimostra che non solo esiste un'alternativa all'atomizzazione sociale, all'alienazione e allo sfruttamento ma che questa alternativa è necessaria, oggi più che mai.
È necessaria perché è oramai evidente che il dominio di stato e capitale non fanno altro che distruggere qualsiasi rapporto sociale che non sia mediato dal denaro o da relazioni di dominio. Necessaria perché la crisi che sta impoverendo i ceti popolari e i ceti medi non è altro che l'ennesima ruberia operata da chi gestisce soldi e potere.
Le compagne e i compagni greci hanno saputo costruire una risposta a questo crimine e per questo sono sotto attacco da parte della polizia, che ha dichiarato di voler sgomberare tutte le occupazioni elleniche, sostenuta in questo dai paramilitari nazisti di Alba Dorata. Non è un caso che in tempi di crisi e di mobilitazioni popolari gli apparati dello stato ricorrano alla bassa manovalanza fascista. Così fu in Italia nel Biennio Rosso, così è in Grecia nel 2013.
E infatti la Grecia non è distante dalla penisola italiana. Anche qui lo stato sta spazzando via i risultati di un secolo di lotte operaie e popolari. Anche qui si attaccano i movimenti sociali, si sgomberano i posti occupati, si pestano i lavoratori in lotta, si gasano gli studenti, si bastona chi si oppone alla devastazione ambientale e al militarismo. Per questo è necessario rifiutare la visione nazionalista della crisi, quella che ciancia di sovranità monetaria e nazionale come risposta all'Europa delle banche, di differenze antropologiche che generano la crisi, richiamandosi alle più tristi tesi razziste; una visione distorta che garantirà un maggiore rafforzamento dei dispositivi disciplinari e di dominio dello stato e che si esprime, nella sua forma più compiuta, nel sacrificio delle classi subalterne sull'altare delle guerre nazionaliste.
Le lotte degli anarchici in Grecia sono le nostre lotte, le nostre lotte sono quelle degli anarchici greci. Così come sono nostre le lotte di chi, ovunque nel mondo, si oppone allo sfruttamento classista, razzista e sessista, e costruisce, quotidianamente, una società di liberi ed eguali.
Invitiamo tutto il movimento alla massima solidarietà possibile.


Solidarietà con gli antirazzisti torinesi
I compagni e le compagne della Federazione Anarchica Italiana riuniti in convegno a Milano il 13 gennaio 2013 esprimono la loro solidarietà ai compagni e alle compagne della Federazione Anarchica Torinese e a tutti gli antirazzisti e le antirazziste che andranno sotto processo il 27 febbraio 2013.
Decidono di lanciare una sottoscrizione nazionale per la copertura della spese legali.
Lanciano una campagna nazionale di solidarietà in difesa dei compagni inquisiti.


Muos
Il Convegno Nazionale della Federazione Anarchica Italiana, riunito a Milano nei giorni 12-13 gennaio 2013, esprime la propria solidarietà alla popolazione di Niscemi in lotta contro la realizzazione del sistema radar satellitare U.S.A. "MUOS".
L'azione repressiva delle forze dell'ordine, avvenuta nella notte tra il 10 e l'11 gennaio, per forzare i blocchi stradali e consentire il passaggio delle attrezzature militari era stata significativamente preannunciata dalle intimidazioni del Ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri.
Tutto questo dimostra, ancora una volta, la complicità dello stato italiano con le politiche egemoniche e imperialiste degli Stati Uniti d'America.
La mobilitazione popolare contro il "MUOS" trova le sue ragioni nell'antimilitarismo e nell'opposizione alle servitù militari che fanno della Sicilia un'enorme "portaerei" funzionale alle guerre ipertecnologiche del presente e del futuro. E trova altrettante ragioni nella difesa del territorio e dell'ambiente dalla devastazione; nella tutela della salute dei cittadini dall'inquinamento elettromagnetico; nelle aspettative di una comunità il cui sviluppo non può essere sovradeterminato dalle esigenze criminali della guerra.
Il contributo degli Anarchici alle lotte antimilitariste in Sicilia viene da lontano e conferma il radicamento della presenza libertaria nell'isola al fianco degli oppressi e delle comunità locali. Anche nella lotta "No MUOS" il valore dell'autorganizzazione e del rifiuto della delega rimane la proposta qualificante dell'azione diretta degli anarchici, ben lontana dai compromessi e dalle complicità tipiche delle classi dirigenti.
Il Convegno Nazionale della F.A.I. sostiene la manifestazione nazionale del 30 marzo 2013 indetta dal coordinamento regionale dei comitati di base "NO MUOS".


Convocazione congresso e convegno
Il convegno della Federazione Anarchica Italiana riunito a Milano il 13 Gennaio 2013 stabilisce di tenere il prossimo congresso ordinario della federazione dal 31 ottobre al 3 novembre 2013.
Il convegno rimanda il dibattito sull'ordine del giorno ai gruppi e alle individualità federati e da mandato alla CDC di raccogliere la disponibilità del gruppo che intende ospitarlo.
Indice il prossimo convegno il 13 e 14 Aprile a Fara in Sabina (Rieti).


Comunicato su una lettera dell’amministrazione di Umanità Nova ad un detenuto
Umanità Nova viene mandata a tutte le detenute e i detenuti che la richiedono. Tre settimane fa il giornale è stato richiesto da un detenuto che da anni mantiene un atteggiamento provocatorio e insultante nei confronti della FAI.
Come da prassi consolidata l'amministrazione di Umanità Nova ha deciso di inviare il giornale, ma ha ritenuto di propria iniziativa di dover anticipare l'invio con una lettera al detenuto in questione, caratterizzata da una maldestra ironia.
Il congresso della Federazione Anarchica Italia riunito a Milano il 12 gennaio 2013 rileva l'inopportunità della lettera dell'amministrazione e, mentre rinnova il suo impegno di lotta contro la repressione e per la distruzione di ogni galera, conferma la sua piena fiducia al gruppo che ha gestito e gestisce ottimamente l'amministrazione del giornale.


Milano 13 gennaio 2013

Altre Mozioni e documenti



MOZIONI

Abbonati, leggi e diffondi "UMANITA' NOVA"
settimanale anarchico
link al sito di umanità novalink al sito di zero in condotta
web-fai@federazioneanarchica.org