"Noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il massimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza." (E. Malatesta)

Comunicato diffuso dalla Commissione Relazioni Internazionali della Federazione Anarchica Italiana


Fermiamo la guerra in Mali!

L'11 gennaio il governo francese ha dato inizio ad un'operazione militare in Mali. Ha dichiarato di intervenire per sostenere le unità maliane contro il terrorismo di matrice islamica che imperversa in quell'area e per difendere la popolazione dalle violenze. Qualche giorno dopo, il 14 e il 17, rispettivamente la Germania e l'Italia, attraverso i loro ministri degli esteri, hanno affermato di appoggiare l'attacco francese in Mali e di essere disponibili a offrire supporto logistico. Passano poche settimane e, all'inizio di febbraio il presidente francese Hollande "atterra" tra le sue truppe a Timbuctu, ripreso dalle telecamere delle TV internazionali, sottolineando che le milizie islamiche/tuareg sono in fuga e il Mali è quasi completamente liberato: "Sosterremo i maliani fino alla fine di questa missione nel nord - ha dichiarato - ma non intendiamo star qui per sempre".

Una frase che deve essere interpretata in senso esattamente opposto se si allarga lo sguardo alla politica estera dei governi francesi degli ultimi anni.
Infatti, c'è perfetta continuità tra Sarkozy che bombarda la Libia e Hollande che bombarda il Mali.
Sin dal 2007, in Niger, si è sviluppato un movimento tuareg, e dopo quasi cinquantanni di rapporti esclusivi con la Francia,questo paese aveva di recente aperto a compagnie non francesi lo sfruttamento delle risorse minerarie.
Certo, si potrebbero evidenziare le contraddizioni di chi interviene militarmente, ora in difesa della popolazione, ora per togliere di mezzo il dittatore scomodo. Insomma un giorno si spargono i "semi" della democrazia, l'altro si sostengono le forze ribelli con soldi e armi. A volte capita che i nemici di oggi siano stati gli amici di ieri (durante l'attacco alla Libia, Francia e Gran Bretagna hanno fatto ampio uso degli islamisti per combattere le forze armate di Tripoli, poiché i separatisti della Cirenaica non erano interessati a rovesciare Mu‘ammar Gheddafi una volta che Bengasi fosse diventata indipendente).
La campagna di comunicazione massmediatica preferisce mostrare le folle festanti che sventolano la bandiera francese invece delle migliaia di profughi che si sono concentrati in pochi giorni presso i confini maliani. Il ritornello si ripete mostrando i danni che i fondamentalisti hanno provocato al patrimonio culturale, (la biblioteca di Avicenna e i mausolei di Timbouctou) sottolineando il divieto di ascoltare la musica o di vestirsi senza seguire i dogmi religiosi. La distruzione generata dai bombardamenti dell'aviazione, invece, non appare mai.
L'opinione pubblica occidentale si confronta con l'ennesimo conflitto in modo apparentemente indolore: la distanza che ci separa dagli scenari di guerra favorisce, infatti, un certo "distacco".
Non dobbiamo, però, scordare che gli interventi degli eserciti degli stati alimentano il pericolo "terrorista" (i recenti fatti che hanno interessato l'impianto energetico di In Amenas in Algeria rappresentano un esempio lampante).
Gli effetti di queste politiche neocolonialiste, travestite da missioni umanitarie, si estendono, comunque, anche all'interno dei confini dei paesi europei grazie alle legislazioni speciali antiterrorismo che, in nome della "sicurezza" continuano a erodere gli spazi di libertà e costituiscono uno "strumento repressivo e politico pronto all'uso" per fronteggiare le forme più pericolose e crescenti della protesta sociale.
Esaminando più nel dettaglio l'intervento militare in Mali ci si rende conto dell'infondatezza delle motivazioni ufficiali e delle mille contraddizioni che ne scaturiscono.
L'esercito francese era, da tempo, pronto a intervenire; la richiesta d'aiuto del presidente golpista Dioncounda Traorè è stata solo il pretesto.
È' impossibile credere che sia stata l'emergenza umanitaria a spingere l'Europa a intraprendere questa nuova guerra. L'Africa è vessata, da decenni, da miriadi di focolai di violenza e nessuna potenza occidentale se ne è mai seriamente interessata. Si dirà che in Mali ad aggravare la situazione c'è l'emergenza "terrorismo islamico".
Non dimentichiamo, inoltre,il ruolo degli Stati Uniti,in questa guerra,che da decenni contendono alla Francia il controllo della FrancAfrique.
Significativo il fatto che circa tre settimane dopo l'intervento francese in Mali, gli Stati Uniti abbiano siglato un accordo con il governo di Niamey per l'installazione di una base militare statunitense ad Agadez, nel nord del Niger nella zona uranifera del paese.

Dobbiamo considerare questa "nuova" guerra come la prosecuzione naturale della campagna libica e renderci conto che, probabilmente, ci troviamo di fronte a una precisa strategia neo-coloniale di controllo politico del territorio, finalizzato allo sfruttamento delle risorse naturali e inquadrato in un'ottica di contrasto dell'avanzata dei capitali cinesi in Africa. La Cina, infatti, è il primo partner commerciale di Tanzania, Zambia, Congo ed Etiopia (dove il PIL cresce con una media del 5,2% l'anno, cifre impressionanti) e in molte zone vanta l'esclusiva sui diritti di estrazione delle risorse.
Il governo francese ha enormi interessi economici nell'area centro-nord africana e sta cercando, anche con mosse azzardate, di mantenere sotto la propria influenza quelle zone di interesse strategico per l'abbondanza di risorse minerarie ed energetiche.
Il Mali potrà diventare importante nel prossimo futuro, ma il Niger lo è già ora. Non può sfuggire che, poco oltre il confine sud-est del Mali, sono collocate le più importanti miniere d'uranio nigeriane. Il riferimento è alla miniere di Arlit ed Akokan da cui la multinazionale Areva ricava gran parte dello "yellowcake" destinato ad alimentare i 58 reattori nucleari francesi. Nella stessa zona è prevista l'apertura di quella che è destinata a diventare una delle più grandi miniere al mondo per l'estrazione dell'uranio, Imouraren. Non mancano poi l'oro e il petrolio. Quindi, un grande affare che lo Stato francese – "spalla" di multinazionali come Total e Areva (giusto per fare due nomi) non può lasciarsi scappare.
Non si può dimenticare che la politica energetica francese è fondata sull'energia nucleare, una scelta che ha radici nel passato perché direttamente legata alla necessità di rafforzare il proprio ruolo militare nello scenario geopolitico internazionale. Sappiamo bene che non c'è soluzione di continuità tra gli impieghi, cosiddetti, civili dell'energia atomica e quelli finalizzati alla costruzione di ordigni destinati a minacciare l'umanità. Una scelta di sistema che rende, nell'attuale contesto d'instabilità, difficile, per il governo francese, individuare fonti energetiche alternative. La disponibilità dell'uranio rimane, quindi, una questione essenziale almeno in una prospettiva di medio periodo.
Quando l'esercito francese tornerà in patria sarà solo perché il controllo della situazione sarà affidato alle armi amiche delle forze africane alleate con la Francia.
Non è un caso che le forze armate della CEDEAO (Comunità Economica degli Stati dell'Africa Occidentale) siano state, velocemente, schierate lungo il confine tra Mali e Niger. La necessità di "proteggere" le aree d'interesse minerario da una possibile espansione della rivolta è stata subito evidente.
La nostra epoca è già contraddistinta da crisi energetiche e difficoltà di approvvigionamento di materie prime e non c'è da stupirsi che il capitalismo mondiale stia cercando di correre al riparo, ancora una volta, per garantirsi, con ogni mezzo, una parte del bottino. Tutti noi sappiamo che la guerra e la finanziarizzazione dell'economia sono mezzi per movimentare repentinamente enormi capitali, per riorganizzare equilibri politici di governi, stati e confini nazionali non più funzionali al profitto di multinazionali e società finanziarie.

Nel vicino Niger, da 40 anni, Areva e le sue consociate estraggono l'uranio senza alcun rispetto per l'ambiente e per i lavoratori, gli abitanti vicini ai siti di Arlit e Akokan hanno pagato e pagano un prezzo altissimo in termini di salute e di morte, come risulta da studi indipendenti (CRIIRAD – ROTAB). I minatori di uranio sfruttati infatti, sono esposti a radiazioni ionizzanti nelle cave, nelle miniere sotterranee, nelle officine di lavorazione del minerale grezzo, ma anche nelle città e nelle loro case. In questa zona 35 milioni di scorie radioattive sono raccolte all'aria aperta sin dall'inizio dell'attività estrattiva. Grazie al vento gas radon e altri derivati considerati cancerogeni si spargono nell'ambiente. Ma l'Areva opera anche sul territorio italiano. Il trasporto di materiale irraggiato passa per il nostro paese verso l'impianto di la Hague dove si estrae plutonio (per le bombe) e produce il mox (un combustibile di riciclo con cui funzionano alcune centrali). In Mali è la guerra di sempre, di stato e capitale, dove sfruttamento e saccheggio ai danni della popolazione non conoscono confini nazionali!

Diffondere l'informazione contro l'ipocrisia del potere, rafforzare la consapevolezza per far crescere la voglia di giustizia sociale sono solo i presupposti per sostenere le lotte che in ogni parte del mondo devono liberare gli oppressi da vecchie e nuove schiavitù, economiche, militari o religiose che siano.
Solo attraverso l'internazionalismo, l'antimilitarismo e la solidarietà di classe possiamo da anarchiche ed anarchici fermare l'orda di questo ennesimo, nuovo e lurido conflitto.

Fermiamo la guerra in Mali!
Solidarietà a tutte le popolazioni colpite dalla guerra!

Commissione Relazioni Internazionali della Federazione Anarchica Italiana

Altri Comunicati



COMUNICATI

Abbonati, leggi e diffondi "UMANITA' NOVA"
settimanale anarchico
link al sito di umanità novalink al sito di zero in condotta
web-fai@federazioneanarchica.org