"Noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il massimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza." (E. Malatesta)

Mozioni e documenti della Federazione Anarchica Italiana


Mozioni approvate al Convegno del 12-13 Giugno 2004 a Imola

Internazionale
Nel convegno della Federazione Anarchica Italiana che si è tenuto a Imola il 12 e 13 giugno, abbiamo approvato il resoconto della commissione di relazioni internazionali in merito al Congresso dell'Internazionale di Federazioni Anarchiche di Besançon.
Il Congresso ha rappresentato un momento importante per la diffusione dell'anarchismo sociale ed organizzatore, con significativi allargamenti alle aree dell'Europa Centrale, di quella Orientale, in generale del continente sudamericano e dei paesi anglofoni. Uno dei tanti segnali di vitalità è costituito dall'assunzione, per la prima volta, del segretariato dell'Internazionale da parte dei compagni della Federazione Anarchica di Gran Bretagna e Irlanda.
In quanto compagni federati ci impegniamo a rafforzare i legami, la collaborazione e la solidarietà all'interno di questo percorso organizzativo, al fine di dare concretezza al programma di lavoro concordato.
In particolare sono in corso contatti per realizzare pubblicazioni, il rinnovo del sito web, un manifesto comune nelle varie lingue. Per il prossimo 18 marzo è prevista una giornata di azione internazionale, che ciascuna federazione, gruppo o individualità svilupperà secondo le sue capacità e possibilità, in coincidenza con le ricorrenze di Kronstadt e della Comune di Parigi.
Si considera di primaria importanza la partecipazione alla CRIFA del 27 novembre a Londra, che si svolgerà in contemporanea con la Fiera del Libro Anarchico alla quale siamo invitati con un tavolo ed un intervento.
Ribadiamo infine l'importanza di sostenere l'Incontro internazionale anarchico "Globalizzare la libertà", che mira a costruire un'occasione di confronto, scambio ed elaborazione progettuale capace di rafforzare i rapporti di collaborazione all'interno dell'anarchismo sociale.

Per la libera circolazione
Il convegno nazionale della FAI, riunitosi il 12 e 13 giugno a Imola, esprime il suo pieno sostegno ed appoggio alla battaglia che la Federazione Anarchica Francofona sta portando avanti in difesa delle libertà civili e del diritto di asilo.
La lotta contro ogni forma di restrizione delle libertà personali (libera circolazione, libera residenza...) è uno dei cardini su cui si fonda il pensiero e l'azione degli anarchici di tutto il mondo.

Antimilitarismo
Giudichiamo in modo positivo le iniziative sia su base locale che nazionale che hanno visto la Federazione protagonista nell'ultimo periodo. Riteniamo in particolare che il corteo del 29 maggio a Livorno, le varie forme di contestazione delle parate attuate il 2 giugno e, in generale, l'impegno dei compagni federati nelle proprie località abbiano segnato un momento estremamente positivo.

La situazione di guerra nella quale siamo gettati segna in modo costante il nostro orizzonte quotidiano. Guerra interna e guerra esterna hanno lo stesso fronte: la spesa pubblica sempre più coincide con la spesa militare e sempre meno con sanità, servizi, scuola. In nome della lotta al terrorismo diviene più forte la criminalizzazione di ogni forma di opposizione ed il progressivo restringimento di spazi di libertà.
-Proponiamo pertanto che si dia vita ad una campagna antimilitarista che sappia coniugare le ragioni etiche e politiche dell'opposizione al militarismo ed alla guerra con la lotta per i servizi, la sanità, la scuola. Opporsi alle missioni militari italiane all'estero, schierarsi contro l'aumento della spesa bellica significa al contempo lottare per la riappropriazione delle risorse che ci vengono sottratte per la guerra.

Sempre più sfacciata è la propaganda nazionalista e patriottica con la quale si cerca di coprire l'orrore della guerra. Militarismo, nazionalismo e patriottismo sono la veste ideologica dell'ondata reazionaria, che, anche grazie al ruolo svolto dalla sinistra parlamentare, sta portando ad un regime clerico-fascista.
- Riteniamo quindi importante dar vita ad una campagna antinazionalistica ed antipatriottica (con la preparazione di manifesti, adesivi, etc.) e con la programmazione di una giornata di lotta nazionale in occasione del 4 novembre (giovedì), che si potrebbe articolare in iniziative (presidi, punti informativi, feste antimilitariste, contestazioni delle parate, etc.) di carattere locale ed in uno o più momenti nazionali od interregionali, con particolare attenzione alle iniziative che i compagni e le compagne stanno preparando contro la kermesse militarista prevista a Trieste in occasione dell'anniversario del ritorno delle truppe italiane nella città.
-Il convegno da mandato alla Commissione antimilitarista ed alla redazione di UN di verificare la possibilità di realizzare dei volantoni/volantini tematici che potrebbero essere pronti per l'inizio dell'autunno (fine settembre) come strumento di controinformazione sulle politiche guerrafondaie ed antipopolari in atto.
- Il convegno ritiene importante la crescita dell'esperienza dell'Assemblea Antimilitarista e invita gruppi ed individualità federate a partecipare alle iniziative.
- Il convegno invita le realtà federate ad organizzare iniziative locali nell'ambito del giro in Italia dei compagni israeliani di "anarchici contro il muro" impegnati nel loro paese in una lotta di segno antimilitarista ed internazionalista.
- Il convegno auspica la costituzione di organismi antimilitaristi di massa per dar vita ad iniziative svincolate dal pacifismo istituzionale determinato dei vari partiti politici. Tali organismi di devono basare sulla pratica dell'azione diretta e dell'autorganizzazione.

Solidarietà a "La Sede" di Vigevano
Il convegno della FAI di Imola esprime tutta la sua solidarietà ai compagni del Centro sociale "La Sede" di Vigevano che nella notte tra il 2 e il 3 giugno hanno subito un grave attentato di marca fascista, con incendio dello stabile.
Li ringraziamo per l'ospitalità che avevano offerto alla FAI di Milano per organizzare nelle giornate del 26 e 27 giugno una festa per Umanità Nova.
Auspichiamo che il centro sociale si ricostruisca nel più breve tempo possibile come luogo di socialità, di controinformazione e di lotte sociali.
Invitiamo tutti i compagni a contribuire con la solidarietà in tal senso.

Solidarietà a Libera
Il convegno nazionale della FAI, riunito ad Imola il 12 e 13 giugno, esprime massima solidarietà ed appoggio alla lotta contro lo sgombero dello spazio sociale "Libera" di Modena e contro le logiche che vedono interessi privati calpestare gli interessi collettivi, come gli spazi liberi di aggregazione e come il rispetto e la difesa dell'ambiente in cui viviamo.

Umanità Nova
Umanità Nova è uno strumento molto importante di approfondimento, comunicazione, lotta.
Riteniamo che si debba aprire una campagna straordinaria di sottoscrizione, abbonamento e promozione del giornale. Il convegno da mandato all'Amministrazione di preparare un adesivo ed una locandina a sostegno della campagna.
Il convegno inoltre sollecita i gruppi, le federazioni locali e le individualità a realizzare iniziative di promozione e sostegno al giornale.

Le compagne e i compagni riuniti a Imola il 12 e 13 giugno 2004
per il convegno nazionale della Federazione Anarchica Italiana


Altre Mozioni e documenti



MOZIONI

Abbonati, leggi e diffondi "UMANITA' NOVA"
settimanale anarchico
link al sito di umanità novalink al sito di zero in condotta
web-fai@federazioneanarchica.org